Dieci anni, una vita (un post che parla poco di emigrazione e un po’ di me)

(altresì detto: tutta colpa dei dieci anni di Facebook)

Più o meno in questo periodo, nell’anno 2004, ricevevo, tra le note di deviantArt, questo messaggio.

image

Ancora non sapevo che avrebbe cambiato il corso della mia vita.

Dieci anni fa, dopo i miei due tentativi con l’Università, avevo deciso di dare un taglio più pratico alla mia istruzione. Una persona molto saggia mi aveva posto la domanda: c’è qualcosa che ti piace fare? E la risposta era stata: i siti web. Fino ad allora però per me “fare un sito” era un discorso da autodidatta: tante immagini, tanto html, css e fine. Non certo qualcosa da cui trarre una professione: ci voleva un po’ di formazione. Mi ero quindi iscritta a un corso finanziato dal FSE per grafico e programmatore web. Siccome pasticciavo con photoshop, volevo approfondire ovviamente la parte relativa alla grafica. Di programmazione, pensavo, non avrei mai capito niente. La storia è andata poi ben diversamente, ad ogni modo: tra i vari siti che bazzicavo, in questo momento della mia vita in cui mi atteggiavo a creativa, c’era, appunto, deviantArt. Un social network, o come si diceva allora “una community”, dedicato (per sommi capi) all’arte.
Il mittente del messaggio di cui sopra era David. Non era la prima persona che avrei conosciuto grazie al web e non è stata l’ultima. Di certo è stata la più importante, e non solo per il significato della relazione che ne scaturì.
Fu la mia prima vera relazione da grande, con convivenza e tutto. La relazione romantica finì, lasciando tra noi un affetto e una  stima che continuano tuttora.
Dopo Firenze decisi di provare a trasferirmi a Berlino. Grazie a David, quando tornai dalla parentesi berlinese e decisi di allargare il mio giro di conoscenze, iniziai a frequentare un gruppo flickr dedicato a Milano. Attraverso una persona che lavorava per Accenture, venni a sapere che erano alla ricerca di personale; inviai il CV e, con mia incredulità devo dire, ottenni un lavoro. Un lavoro con un contratto a tempo indeterminato, nel 2006. Un lavoro che mi permise di essere indipendente e di vivere col mio fidanzato in un momento storico in cui i miei coetanei si dovevano barcamenare tra progetti e partite IVA.
David aveva, a Milano, un’amica di nome Laura, verso la quale provavo una certa gelosia e astio, ma che non conoscevo di persona. Laura faceva parte dello stesso gruppo flickr di cui sopra e, sempre dopo esser tornata da Berlino, decisi che era ora di conoscersi di persona, per scoprire se era davvero così antipatica come immaginavo. Long story short, nel giro di un aperitivo, una tisana e una fetta di torta nella sua cucina, divenne la mia migliore amica.
Al suo compleanno nel 2007 incrociavo, tra tante altre persone, il suo ex capo. In quel momento eravamo tutti e due impegnati in altre relazioni, e non facemmo moltissimo caso l’uno all’altra. Ci in contrammo di nuovo nella primavera del 2009 a un brunch organizzato sempre da Laura e da allora non ci siamo più lasciati. Da un anno siamo in tre, perché è arrivato Davide. Da settembre, come sapete, viviamo in California.
Questi erano gli eventi che erano destinati per me in questi dieci anni. Se non fosse andata così, probabilmente il destino avrebbe trovato altre strade. Ma credo di poter dire con certezza che, se in un pomeriggio di gennaio del 2004, David non avesse deciso di “attaccar bottone”, la mia vita sarebbe ora molto, molto diversa.

P.S.: David fa tuttora cose creative e belle, e le insegna anche.
P.P.S.: A proposito di cose belle, non so se avete notato il nuovo header del blog, procreato gentilmente da Zed

Advertisements

9 thoughts on “Dieci anni, una vita (un post che parla poco di emigrazione e un po’ di me)

  1. dalla tua pagina di flickr sono arrivata al tuo blog!
    che ricordi..! esattamente un anno dopo partivo per il messico.. 🙂
    io e te ci siamo viste un paio di giorni a firenze in tutto, ma poi negli anni attraverso david ho sempre avuto notizie di te.. e forse anche tu di me!
    io ora sono a casa in maternità.. ho una bimba bellissima che farà 3 mesi fra due giorni, il suo nome? Marta! 😉
    un abbraccio
    Federica

    • Ciao Fede! Che bello, neomamma anche tu, e che bel nome la tua piccola :p infatti ero stata aggiornata sul fatto che fossi i dolce attesa. Congratulazioni!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s